Il prossimo Natale

Un improvviso colpo di vento fece sbattere i vecchi e stanchi vetri delle finestre che pure erano chiuse. Salvo si svegliò all’improvviso. Il sonno era leggero anche in piena notte e, quel tonfo, gli fece paura. La sveglia appoggiata sul televisore indicava mezzanotte precisa. I giganteschi numeri rossi facevano quel poco di luce appena sufficiente per cercare gli occhiali. Non che servissero a molto, ormai, ma era una vecchia abitudine. Salvo li mise sul naso e, senza sorpresa, non cambiò quasi nulla. Si voltò verso la finestra per cercare di capire cosa avesse causato quel tonfo. Si rasserenò immaginandola chiusa e non avvertendo nessuno spiffero turbare il calore della camera da letto. Ripoggiò gli occhiali sul comodino, si coricò sul fianco e tirò su la coperta.

Una voce profonda come la notte lo chiamò prima che potesse chiudere gli occhi. “Salvo, non ti addormentare!”

“Chi è?” chiese allarmato il povero vecchio.

Continua a leggere su Cultura al femminile: https://www.culturalfemminile.com/2020/12/24/il-prossimo-natale-di-serena-pontoriero/