Racconti

Ore 18, ora di punta

Ore 18, ora di punta

Ore 18. L’ora di punta per l’uscita dagli uffici. Io ed un’altra trentina di persone aspettiamo sulla banchina della metro 2 il prossimo passaggio. I due minuti che ci separano dall’agognato treno sono l’occasione per realizzare uno studio sociologico, più o meno serio, sulle nostre abitudini di individui nel XXIesimo secolo. Gente che non ha Continue reading Ore 18, ora di punta

Iris

Iris

[…] I due si guardarono in silenzio durante un secondo che parve durare un’eternità. Durante questo lungo secondo, lui notò la giovane età della dottoressa. Il suo sorriso composto sembrava sincero, infatti era leggermente grinzoso sugli angoli esterni degli occhi. Esse erano le sole leggere pieghe presenti sul volto di lei. La fronte larga e Continue reading Iris

Er caffè originale

Er caffè originale

Mi chiamo Claudio e faccio er barista da vent’anni. Ho cominciato a lavorare quanno ero ragazzino, nel baretto sotto casa e mo’ sono dodici anni che lavoro da Delotti, a Cavour. C’avete presente? Quello grande, coi lustri appesi, i camerieri in divisa, le paste colorate dietro le vetrine scintillanti, i banconi incorniciati da corrimano dorati. Che Continue reading Er caffè originale

Il prossimo inverno

Il prossimo inverno

Giaccio. Dall’alto della collina sulla quale mi trovo, osservo il paesaggio sottostante. E’ magnifico. La primavera è da poco iniziata e la natura rinasce. Su una delle colline sottostanti, una foresta di pini marittimi troneggia. Esposta a sud, le ombre si accorciano a vista d’occhio. L’ombrello verde non proteggerà ancora a lungo i cespugli sottostanti che Continue reading Il prossimo inverno

La nascita di Nina

La nascita di Nina

Venerdì 22 giugno ricevo una comunicazione su Messenger: “Nina è nata, pesa 3,2 chili ed è lunga 50 centimetri. Stiamo bene”. La mia amica Clarisse ha partorito, un po’ prima del previsto. Di solito, sarei corsa a trovarla ma per rispetto delle usanze locali, per pudore, chiedo: “Vuoi che venga a trovarti?”. Continua a leggere cliccando Continue reading La nascita di Nina

Lettera ai posteri – Myriam madre di Yeshoua

Lettera ai posteri – Myriam madre di Yeshoua

Gerusalemme, 15 Nissan Mio figlio è morto ieri. Una morte atroce e ingiusta. Non sento più niente: la mia anima è amputata, il corpo, così lontano non trasmette più nessuna sensazione. Perché mangiare? Perché dormire? Perché stare svegli? Non so dove sono, ma so che la mia mente è rimasta inchiodata sotto quella collina dove Continue reading Lettera ai posteri – Myriam madre di Yeshoua